Benevento e Cesena, dai giovani la riscossa

Ultimi classificati rispettivamente nei campionati di Serie A e B, sanniti e romagnoli si "consolano" con il primato fra gli Under 17. L'Atalanta cade a Bologna, Fiorentina a punteggio pieno nel girone A

02 ottobre 2017

La Fiorentina che, con un po’ di fortuna, continua il suo volo in testa alla classifica del Girone A, la sconfitta dell’Atalanta a Bologna, il derby di Milano che parla nerazzurro e il Cesena che ne approfitta per guidare il Girone B, il Crotone che fa harakiri lasciando al solo, sorprendente, Benevento il compito di fare da battistrada solitario al Girone C. Non si può dire, dunque, che sia stata una giornata noiosa la 4^ del Campionato italiano Under 17 di A e B.

Fari puntati, nel Girone A, su Torino – Fiorentina con i giovani granata intenzionati a riscattare la sconfitta nel derby con un risultato di prestigio. L’atteggiamento dei ragazzi di Marco Sesia è stato consequenziale fin dalle prime battute di gioco: granata ad attaccare una Viola che, per scelta o per necessità, si affidava solo alle ripartenze. E in una di queste, al 38′, l’arbitro individuava in una trattenuta di Leggero su Buffa gli estremi del calcio di rigore: Simic dal dischetto non falliva. La musica non cambiava nella ripresa fino al 23′ quando il Toro raccoglieva i frutti della sua pressione. Ponsi atterrava Montenegro in area e dagli 11 metri Sandri coglieva il meritato pareggio. Sembrava fatta, quando, in pieno recupero, Simic s’inventava un eurogol con un tiro mancino a girare sul secondo palo. Per la Fiorentina una vittoria insperata, per i granata una sconfitta immeritata.

Parità nell’altro match clou della giornata: la Juve di Pedone passava in vantaggio sul difficile campo del Sassuolo con il solito Petrelli al 37′ del primo tempo. I bianconeri nella ripresa non riuscivano a chiudere la partita e al 35′ venivano beffati dal pareggio di Mattioli. Con una doppietta di Trivegna ed un gol di Pisani lo Spezia passa sul campo di un Carpi sempre più in crisi, mentre finalmente batte un colpo l’Empoli che con Caradonna e Bertolini conquista una importantissima vittoria in trasferta sul campo di una Pro Vercelli che solo nel finale, con Mensa, rende meno umiliante il passivo. Anche il Novara di Terni non è andato a Chiavari solo per fare una gita al mare fuori stagione. Sotto dopo 3 minuti per un gol di Costa i piemontesi si scatenavano pareggiando prima con Reinado poi dilagando nella ripresa con Amoabeng, Zunno e Paroutis. Una rete di Kadjio al 38′ del primo tempo suggellava il successo della Cremonese sul Parma, mentre la Sampdoria si aggiudicava il derby della Lanterna lasciando al Genoa tutto il primo tempo. I gialloblù, infatti, tornavano negli spogliatoi per l’intervallo in vantaggio grazie ad un gol di Raggio, ma nella ripresa i blucerchiati mettevano la freccia: prima il pari di Yayi Mpie, poi, 6′ dopo, il gol vittoria di Orlando.

Bologna non è terra di conquista per l’Atalanta di Bosi che torna a casa a mani vuote, perdendo primato in classifica e imbattibilità nel Girone B. Imbrigliati Kobacki e combagni dall’attenta difesa felsinea, i rossoblù coglievano la vittoria con un gol di Rosso al 27′ del secondo tempo quando sembrava fosse il pari il risultato più probabile.

Parla nerazzurro, invece, il derby di Milano. Al Vismara la gara si è accesa solo nella ripresa quando l’interista Rossi, grazie ad un rimpallo favorevole, è riuscito a infilare la porta rossonera. E lo stesso Rossi, nei minuti finali, ha confezionato l’assist per la testa di Esposito che così ha chiuso il match.

Dimostrando di non volersi adattare al ruolo di comparsa il Cesena, con Farinelli, andava a violare il campo del Venezia, mentre l’Udinese, con Parpinel e Pecos, rispediva a casa una Spal che con Mazzoni ha riaperto la partita troppo tardi. Rinviata Cagliari- Brescia, va registrato il pirotecnico pareggio tra Chievo e Lazio. Il 3 – 3 finale è stato confezionato da una doppietta di Rovaglia e da una rete di Enyan per gli scledensi, mentre i biancazzurri hanno risposto con due gol di Nicodemo imitato poi da De Angelis. I veronesi hanno perso, dunque, una ghiotta occasione per scalare la classifica, come invece ha fatto l’altra squadra cittadina, l’Hellas, che con Caon e Rudella ha espugnato il campo del Cittadella.

Amarissima sconfitta casalinga per l’ex capolista Crotone nel Girone C. Eppure la partita con lo scorbutico Avellino, dopo il gol di Ruggiero, sembrava essersi incanalata sul binario più favorevole. Una gioia durata pochissimo, perché i lupi con Coiro riuscivano a pareggiare quasi subito e addirittura a cogliere un insperato successo nel recupero grazie ad una sciagurata autorete di Rodio. Nemmeno per l’altra capolista, il Benevento, è stato un turno facile. Nell’anticipo di sabato, infatti, i ragazzi di Bovienzo riuscivano ad imporsi ad un Bari in palla grazie ad una semirovesciata di Russo nel primo tempo. Le solite amnesie, invece, non hanno impedito alla Roma di rimettersi in corsa. Con il Pescara, però, è stata più dura del previsto. In vantaggio con Molinari, i giallorossi si facevano raggiungere da Festa, poi, a cavallo dei due tempi, si scatenava Bamba con una doppietta. Sembrava fatta ma il Pescara, con Napolitano, riusciva a riaprire ancora il match e renderlo incerto fino alla fine.

Il Napoli pare invece destinato ad un altro campionato incolore. I partenopei di Chianese non hanno avuto scampo sul campo del Palermo che si è imposto con un gol per tempo di Preti e De Stefano. E’ bastata la prima mezz’ora scarsa di gioco per la passeggiata della Salernitana ad Ascoli. Pisano (3′), Del Regno (5′) e Iannone (24′) gli autori dei tre gol che hanno chiuso subito la partita. Episodico il gol bianconero di Bonavoglia quando la partita non aveva più niente da dire. Una doppietta di Veneruso regala invece un importante successo al Frosinone nella gara interna con il vivace Foggia che si era portato in vantaggio per primo con Sergio. Rocambolesco 2 – 2 nel derby umbro tra Perugia e Ternana: padroni di casa in vantaggio con Benedetti, poi raggiunti e superati da una doppietta di Calcagna, infine Mazza che evitava ai suoi una sconfitta forse immeritata.

RISULTATI E CLASSIFICHE DOPO LA 4a giornata

GIRONE A: Carpi – Spezia 0 – 3, Cremonese – Parma 1 – 0, Genoa – Sampdoria 1 – 2, Pro Vercelli – Empoli 1 – 2, Sassuolo – Juventus 1 – 1, Torino – Fiorentina 1 – 2, Virtus Entella – Novara 1 – 4.
Classifica: Fiorentina 12, Juventus 10, Spezia 8, Sasuolo e Sampdoria 7, Torino 6, Novara 5, *Genoa, Empoli, Pro Vercelli e Cremonese 4, *Parma 3, Virtus Entella 1, Carpi 0.

GIRONE B: Bologna – Atalanta 1 – 0, Cagliari – Brescia rinv., Chievo Verona – Lazio 3 – 3, Cittadella – Hellas Verona 0 – 2, Milan – Inter 0 – 2, Udinese – Spal 2 – 1, Venezia – Cesena 0 – 1.
Classifica: Cesena 10, Bologna, Atalanta e Hellas Verona 9, Chievo Verona 8, *Inter e *Cagliari 6, Udinese 5, *Milan 3, *Brescia 2, Venezia, *Cittadella, Lazio 1 Spal 0.

GIRONE C: Ascoli Picchio – Salernitana 1 – 3, Benevento – Bari 1 – 0, Città di Palermo – Napoli 2 – 0, Crotone – Avellino 1 – 2, Frosinone – Foggia 2 – 1, Perugia – Ternana 2 – 2, Roma – Delfino Pescara 3 – 2.
Classifica: Benevento 12, Roma 10, Crotone 9, *Palermo 7, Avellino 6, Perugia 5, Foggia, Salernitana, Pescara e Napoli 4, Ascoli e *Frosinone 3, Bari e Ternana 2.
(*) una partita in meno

Nello Morandi