“Calcerò” legge il futuro dei giovani talenti

L’approfondimento dedicato ai vivai, nel giorno di riposo del Trofeo Beppe Viola, analizza le reali prospettive di carriera per i giovani atleti: Lunedì dalle 19,30 ne parleranno Damiano Tommasi, Maurizio Viscidi, Andrea Pretti e Guglielmo Longhi al Casinò di Arco

10 marzo 2019

Ormai da tre anni divenuto appuntamento tradizionale del Trofeo Beppe Viola nella giornata di riposo che precede la finalissima, “Calcerò” torna domani – lunedì 11 marzo alle ore 19,30 al Casinò di Arco – come momento di analisi e di approfondimento sui temi del calcio giovanile, di cui il torneo arcense rappresenta da quasi cinquant’anni un appuntamento di grido. Quest’anno peraltro gli organizzatori del “Beppe Viola” hanno beneficiato del patrocinio dell’Associazione Italiana Calciatori che sta portando all’interno della manifestazione contenuti particolarmente importanti.

Diventare calciatore: un sogno, non un’ossessione” è il tema di quest’anno a “Calcerò”. Al dibattito, moderato da Elio Proch, sarà Damiano Tommasi a dare il primo input significativo: l’ex azzurro e attuale Presidente dell’Associazione Italiana Calciatori rappresenterà infatti lo scenario reale del calcio giovanile e le concrete prospettive di carriera ad alto livello per gli atleti che comunque fanno parte dei settori giovanili di società di primo piano. “Pochissimi ce la fanno – spiega Tommasi – e questo è un ottimo motivo per aiutare i giovani atleti ad affrontare la propria esperienza nell’attività giovanile in modo corretto: questa fase di maturazione e di crescita è estremamente importante sia laddove esista una prospettiva di carriera, sia nel caso in cui il loro futuro debba svilupparsi in altri settori. Non è raro il caso di giocatori assai promettenti in età giovanile che poi hanno trovato la propria realizzazione professionale al di fuori dello sport”.

Al dibattito daranno il proprio contributo anche Maurizio Viscidi (responsabile del Settore Giovanile della FIGC), Andrea Pretti (procuratore sportivo internazionale) e Guglielmo Longhi, giornalista della Gazzetta dello Sport.

L’appuntamento di “Calcerò” sarà preceduto, alle ore 18,30 da un incontro di formazione per i tecnici delle società di base sul modello formativo AIC: “Scuola di Calcio – Scuola di Vita” e l’approfondimento di una metodologia di allenamento strettamente correlata all’aspetto pedagogico. A moderare questo appuntamento sarà Stefano Ghisleni, collaboratore dell’Associazione Italiana Calciatori.