Con il derby l'Atalanta sale in vetta

I bergamaschi battono in trasferta l'Inter per 2-1 nella nona giornata d’andata. Negli altri due gironi comandano Juventus e Roma

13 novembre 2017

L’Atalanta espugna il “Facchetti” nel derby nerazzurro e riagguanta, sia pure in coabitazione, la vetta del Girone B, la Juve, pur senza strafare, vince di misura a Novara e tiene a bada la concorrenza nel Girone A, mentre nel Girone C una Roma, sempre più esuberante, comincia a prendere il largo.

Un calcio di rigore dello specialista Fagioli ha aperto le porte, a Novara, al nuovo successo della Juventus che sembra avere ormai nel solo Torino un valido interlocutore, anche se in questa categoria certi ragionamenti vanno presi con le molle. Genoa e Fiorentina, infatti, non sono andate più in là di un pareggio, rispettivamente contro Carpi ed Empoli, due avversari che, sulla carta, potevano sembrare tutt’altro che impossibili. I rossoblù, pur godendo del fattore campo, sono sempre stati costretti a rincorrere il Carpi nel 2 – 2 con il quale si è concluso il match all’ombra della Lanterna. Non del tutto ininfluente il calcio di rigore con il quale gli emiliani si sono portati in vantaggio con Colombo, anche se il solito Malltezi ha trovato il pari appena 6′ dopo. Nella ripresa Simone (11′) tentava il colpaccio e solo un calcio di rigore trasformato da Rimoli al 33′ consentiva al Genoa di uscire da una situazione difficile. Anche la Viola è stata costretta a inseguire nel derby toscano con l’Empoli, che era passato in vantaggio nel finale della prima frazione con Mosca. L’inseguimento dei gigliati veniva coronato al 29′ della ripresa grazie a Pierozzi. Con un gol per tempo di Moreo e D’Ambrosio il Toro si è imposto d’autorità sul campo di una sbiadita Sampdoria e, sempre da colpacci in trasferta, sono arrivati i successi di Sassuolo (3-0 alla Pro Vercelli, con il gol di Comisso e la doppietta di Mattioli) e Spezia (Tivegna, a pochi minuti dalla fine, il giustiziere del Parma). Una tripletta di De Rigo (e il gol di Lanza) mettono le ali alla Pro Vercelli contro una Cremonese entrata in partita troppo tardi. “Inutile” il gol di Kadjo al 36′ della ripresa.

Nel Girone B il rigore trasformato da Vergani dopo appena 4′ sembrava aver dato un indirizzo alla partita che vedeva l’Inter affrontare in casa gli storici rivali dell’Atalanta. Invece gli uomini di Zanchetta, schiacciati nella loro area dalla reazione orobica, si sono complicati le cose con un autogol di Colombi al 27′. Nella ripresa, il grande equilibrio era spezzato da Ghislandi al 20′ con la zampata che risulterà vincente. Il Milan pare invece essersi abbonato alle cinquine. Dopo quella rifilata al Cittadella domenica scorsa, è arrivata la seconda colta in trasferta a Venezia e quindi ben più importante. Due volte Tonin, Maldini, Olzer e Corti gli autori dei gol milanisti, mentre per i neroverdi è andato in rete dal dischetto Pasqual. Una doppietta di Scaffidi ha consentito alla Lazio di espugnare il campo del Brescia (in gol con Ibrahimi), mentre il Cagliari, che ormai guarda la classifica dall’alto in basso, stava per essere beffato dal ritorno dell’Udinese. In vantaggio per 3 – 0 (Carboni, Contini, Marigosu), gli isolani si sono incartati nel finale e i bianconeri ne hanno approfittato con Perpinel ed un autogol. Le grandi protagoniste del turno precedente, Cesena e Bologna, non sono andate al di là del pareggio in maniera davvero inaspettata. La Spal, infatti, ha imposto ai cesenati lo 0 – 0 in un derby senza grandi lampi, mentre il Bologna a Cittadella è sembrato un parente lontano della squadra che sol 7 giorni fa ha preso a pallate l’Hellas Verona. Anzi i rossoblù, sotto di un gol (Giordano su rigore), hanno dovuto aspettare fino al 29′ della ripresa per pareggiare con Rabbi. Va al Chievo, infine, il derby scaligero, grazie ad una condotta autoritaria che ha consentito ai ragazzi di Mandelli di porre una seria ipoteca sul successo ancora nel primo tempo con una doppietta di Tuzzo e Ndrecka tra il 5′ e il 12′. L’Hellas cercava di reagire nella ripresa con Quarta, ma ancora Tuzzo (30′) e Nardi (32′, rigore) chiudevano il match.

Con il netto 3 – 0 al Crotone (2′ e 8′ Barbarossa, 23′ Simonetti) la Roma si riprende la leadership del Girone C, anche se il Benevento ha ribadito di voler essere ancora della partita con un bel successo in rimonta sul Palermo. I rosanero erano passati in vantaggio con Caffaro al 37′ del primo tempo, poi, nella ripresa, non hanno retto alla veemente reazione dei padroni di casa che sono pervenuti al pareggio con Peluso al 19′ per poi trovare il gol vittoria in pieno recupero con Di Serio. Anche il Napoli, dopo un avvio incerto, sembra tornato in campana. I ragazzi di Chianese hanno espugnato Terni con una doppietta di Sgarbi che ha dato consistenza al gol in apertura di Guadagni. Di Calagna, alla mezz’ora del secondo tempo, il gol della bandiera umbro. La Salernitana, grazie ad un ispirato Iannone, rispedisce a casa l’Avellino con le ossa rotte. Gli irpini, comunque, grazie al gol di Antignano, erano rimasti a lungo in partita e solo nel finale hanno alzato bandiera bianca di fronte alle reti di Raiola e dello stesso Iannone. Il Perugia ci rimette le penne ad Ascoli (2-1, con gol di Intinacelli, Di Francesco e, nel finale, del perugino Mercuri), mentre il Foggia, con Greco al 23′ della ripresa, fa un colpaccio a Pescara. Zero gol ma tanti rammarichi, infine, nel pareggio tra Bari e Frosinone, anche perché dai lanciatissimi laziali ci si aspettava qualcosa di più.

I RISULTATI (9^ giornata)

GIRONE A: Empoli – Fiorentina 1 – 1, Genoa – Carpi 2 – 2, Novara – Juventus 0 – 1, Parma – Spezia 0 – 1, Pro Vercelli – Sassuolo 0 – 3, Sampdoria – Torino 0 – 2, Virtus Entella – Cremonese 4 – 1.

Classifica: *Juventus 22, Torino 21, Genoa 20, Fiorentina 19, Sampdoria 16, Sassuolo 14, Novara e Spezia 12, Virtus Entella e Carpi 8, Empoli e Pro Vercelli 6, Cremonese 5, *Parma 4.

GIRONE B: Brescia – Lazio 1 – 2, Cagliari – Udinese 3 – 2, Cesena – Spal 0 – 0, Cittadella – Bologna 1 – 1, Hellas Verona – Chievo Verona 2 – 3, Inter – Atalanta 1 – 2, Venezia – Milan 1 – 5.

Classifica: *Atalanta, Cesena e Cagliari 21, Bologna 17, *Milan 15, *Inter 14, Chievo Verona 13, *Hellas Verona 12, Udinese 10, *Lazio 8, Cittadella 5, Brescia 4, *Spal e Venezia 2.

GIRONE C: Ascoli Picchio – Perugia 2 – 1, Bari – Frosinone 0 – 0, Benevento – Città di Palermo 2 – 1, Delfino Pescara – Foggia 0 – 1, Roma – Crotone 3 – 0, Salernitana – Avellino 3 – 1, Ternana – Napoli 1 – 3.
Classifica: *Roma 19, Benevento 18, Frosinone 17, Napoli 16, *Ascoli Picchio 15, Perugia 14, Salernitana 13, Crotone 12, Foggia e Città di Palermo 11, Delfino Pescara 8, Ternana e Bari 7, Avellino 6.
*) una partita in meno

Nello Morandi