E' Spagna-Inghilterra la finale Europea

Venerdì in Croazia l'ultimo atto per l'assegnazione del titolo continentale U17. Gli iberici hanno sovrastato la Germania, gli inglesi hanno fermato la marcia della sorprendente Turchia

17 maggio 2017

Saranno Spagna e Inghilterra a giocarsi venerdì (ore 20, Varazdin, diretta su Eurosport1) la finale del campionato Europeo Under 17 organizzata dalla federcalcio croata.

Gli spagnoli si sono imposti solo ai calci di rigore (4-2) ad una solida Germania arrivata fin qui a suon di gol (Arp ha messo a segno ben due triplette) ma che non è riuscita a impensierire, se non una volta con Mai, l’attenta retroguardia spagnola. La più ghiotta occasione per non affidare l’esito del match alla lotteria dei calci di rigore – per la prima volta calciati con l’alternanza del tie break tennistico – l’hanno avuta comunque le giovani Furie Rosse che, a una decina di minuti dalla fine, si sono viste assegnare un calcio di rigore per un fallo in area su Jesè Alonso. Ruiz comunque non ne ha saputo approfittare e la sua conclusione dal dischetto si è stampata sulla traversa. All’atto decisivo, però, sono stati i bianchi di Germania a tremare: Majetschak si è fatto parare la sua conclusione da Fernandez, mentre Mai ha colpito la traversa.

Tedeschi a casa, quindi, e Spagna in finale a cercare di rinverdire i fasti del 2008, data del suo ultimo successo in questa competizione.

Non sarà facile, però, almeno sul piano statistico, visto che l’Inghilterra è alla sua quarta finale e può vantare due trofei abbastanza freschi: quello del 2010, battendo proprio la Spagna, e quello del 2014 sull’Olanda.

In semifinale i ragazzi di Cooper – il quale, in barba al turn over, ha schierato la stessa squadra in tutte e cinque le partite – hanno superato l’ostica Turchia alla quale resta comunque il ruolo di vera sorpresa di questo torneo. Tutto si è risolto nel primo tempo con i bianchi d’Inghilterra che passano già all’11’ con Hudson Odoi, per poi raddoppiare con l’interessante Sancho al 37′. Sembrava fatta, ma ci ha pensato Kesgin, con un gol quasi allo scadere della frazione, a tenere in piedi l’incertezza della partita fino al termine. Per la cronaca, quello di Kesgin è il secondo gol subito dagli inglesi nelle 5 partite finora disputate della fase finale. E magari questo dato avrà la sua importanza nell’economia della finale.

Frattanto la Francia, prendendosi una rivincita sull’Ungheria che l’aveva battuta all’esordio (3-2), si è qualificata per i mondiali che si disputeranno in India dal 6 al 26 ottobre prossimo assieme alle quattro semifinaliste di questa competizione (i posti a disposizione erano 5). Il gol che ha deciso il match di spareggio tra le due migliori squadre sconfitte nei quarti è stato messo a segno, manco a dirlo, da Amine Guiri, classe 2000 in forza al Lione, al suo nono centro in 5 partite. Ne sentiremo parlare.

Nello Morandi

Photo Credits: TheFA.com