Euro U17: niente quarti per l'Italia incerottata

Per gli azzurrini fatale la sconfitta con la Turchia in una rassegna continentale condizionata dagli infortuni

10 maggio 2017

E’ finita anzitempo l’avventura degli azzurrini nella fase finale dell’Europeo Under 17 in pieno corso di svolgimento in Croazia. La sconfitta con la Turchia, nell’ultima partita del Girone A, è stata fatale ai ragazzi di Emiliano Bigica che, dopo aver vinto all’esordio con i padroni di casa della Croazia, sono incappati in due fatali sconfitte prima con la Spagna e infine, come dicevamo, con la Turchia.

Va detto, comunque, e non certo solo per l’italico vezzo di trovare sempre delle attenuanti, che la rappresentativa azzurra è stata tutt’altro che fortunata in questa fase della manifestazione, smentendo, in un certo senso, quel vecchio detto secondo il quale il buon giorno si vede dal mattino. Ed il mattino di questa avventura era stato addirittura radioso, visto che Bettella e compagni avevano superato brillantemente il gap dell’esordio con i padroni di casa croati trovando una splendida vittoria nel finale con un gol d’autore di Moise Kean.

Sembrava l’inizio di una vittoriosa cavalcata, ma non è stato così. Kean è stato richiamato precipitosamente a Torino per essere a disposizione nel derby, visto che Allegri, dopo l’infortunio di Pjaca, non ha molte alternative in attacco. Tutto vano perché, nel corso dell’ultimo allenamento, il ragazzo rimedia una contrattura muscolare che lo costringerà a saltare il Toro e le altre partite della Nazionale. Con questo handicap i ragazzi di Bigica affrontano la Spagna che, stranamente, violenta la sua natura di squadra propositiva per affidarsi alle ripartenze. L’Italia, sorpresa, viene trafitta tre volte e non serve a consolarla il gol di Nicolussi-Caviglia nel finale.

Non bastasse, Bigica perde anche lo juventino Caligara, il regista della squadra, per un infortunio al ginocchio sinistro. E con lui, prima della sfida da dentro o fuori con la Turchia, torna a casa anche il secondo portiere Carnesecchi infortunatosi ad una spalla. Vengono richiamati il portiere granata Gemello ed il genoano Fabio Junior Bianchi, mentre, scontati i due turni di squalifica, torna a disposizione Bellanova. Ma non basta per il miracolo. La Turchia si è portata subito in vantaggio con Karaahmet, al terzo gol in tre partite, poi, subito il pareggio di Pellegri, ha lasciato sfogare gli azzurri per colpirli (e affondarli) nel finale con il talentino del Galatasaray Babacan.

Italia quindi a casa a leccarsi le ferite, mentre la Turchia se la vedrà nei quarti con l’Ungheria. Sorpresa contro sorpresa. L’altro quarto dal sapore di finale vedrà invece opposte Spagna e Francia.

Nello Morandi