Euro U17: Ponsi lancia l'Italia, finali a un passo

Russo para un rigore, poi una rete del difensore viola regala agli azzurrini la vittoria: ora si attendono i risultati degli altri gironi

14 marzo 2018

L’Italia batte di stretta misura l’Islanda (1-0) e, con ogni probabilità, centra la qualificazione, come una delle sette migliori seconde, alle finali degli Europei Under 17 in programma in Inghilterra dal 4 al 20 maggio.

Per averne la certezza, comunque, bisogna attendere i risultati degli altri sette gruppi della fase Elite, visto che quello dove era inserita la nostra Nazionale (il 5) è terminato per primo.

Il regolamento Uefa prevede che siano le 7 migliori seconde (più ovviamente le 8 prime) ad accedere alla fase finale ma la seconda piazza da sola non lo garantisce anche perché nel computo non vengono considerati i punti conquistati con le ultime dei gironi. Tanto per essere chiari la vittoria sull’Islanda non conta, ma vale oro quella conquistata alla prima giornata sulla Turchia perché statisticamente ha sempre garantito la qualificazione. A fine mese lo sapremo con certezza.

Il match con l’Islanda, comunque, non è stato una passeggiata perché gli azzurrini, dopo aver invano preso d’assalto la porta di Hardarson nel primo tempo, a inizio ripresa hanno seriamente rischiato di veder compromesso il loro cammino. L’arbitro israeliano Frid, infatti, concedeva agli islandesi un calcio di rigore abbastanza generoso per contatto di spalla tra Ricci e Gunnarson. Ma il tanto atteso Andri Gudjhonsen, stellina dell’Espanyol (e figlio del famoso Aiour, ex Chelsea e Barcellona) si faceva ipnotizzare dal portiere genoano Alessandro Russo, reattivo come un gatto a buttarsi sulla sinistra e a parare. Scampato il pericolo, l’Italia approfittava dello sbandamento dei nostri avversari e, con Ponsi, realizzava il gol vittoria. Era il solito romanista Riccardi a fornire l’assist vincente al difensore viola e poi a dettare legge nella metà campo avversaria innescando molte azioni pericolose. Il successo avrebbe potuto anche essere più rotondo se il portiere Hardarson non avesse fatto il fenomeno su un paio di micidiali conclusioni di Vergani che, sfortunatissimo, ha colpito anche il terzo palo di questa sua Fase Elite.
Due minuti dopo il vantaggio azzurro passava anche l’Olanda, che giocava in contemporanea con la Turchia, Era Llansana a spezzare l’equilibrio poi imitato al 70′ dal compagno di colori Ihattaren.
Gli orange quindi chiudono il girone a punteggio pieno (9 punti) seguiti dall’Italia con 6, mentre la Turchia si è fermata a 3 e l’Islanda a 0.
Missione quasi compiuta, dunque, ma per ben figurare in Inghilterra, se verrà ufficializzata la nostra posizione tra le 7 migliori seconde, ci vorrà una squadra azzurra più autorevole.

Nello Morandi

Credits foto: Figc