La Juve scivola, il Toro incorna il primato

Battuti a Cremona alla ripresa del campionato, i bianconeri perdono la vetta del girone A. Atalanta e Roma continuano a dominare

15 gennaio 2018

La Juventus che, con una bella rimonta, si era potuta mettere sotto l’albero di Natale il regalo del primo posto in classifica, ha iniziato malissimo il 2018 facendosi impallinare a Cremona e favorendo il nuovo sorpasso del Toro. Vacanze nefaste anche per il Frosinone, in corsa per i play off, e per il Napoli, che hanno trovato disco rosso rispettivamente a Palermo e Ascoli, mentre l’Atalanta, facilitata dalla pochezza dell’avversario,  continua nella sua impressionante marcia a suon di gol.

Nel Girone A, come detto, i bianconeri sono usciti con le ossa rotte da Cremona dove, pur passati in vantaggio con Fagioli (25′ pt), hanno forse commesso l’errore di sentirsi a cavallo e sono stati puniti da Bingo, che ha pareggiato 2′ dopo, mentre a inizio ripresa Girelli ha messo a segno quello che sarebbe diventato il gol dell’insperata vittoria. Il Torino ne ha immediatamente approfittato per scavalcare di nuovo i cugini passando sul campo del Carpi con le reti di Leggero e Spaneshi. Colpaccio dell’Empoli a Genova con la Samp. I toscani, sotto per un gol di Maglie, hanno superato i blucerchiati, a cavallo dei due tempi, con i centri di Perruzza e Bertolini e non si sono disuniti nemmeno di fronte al pari di Yayi Mpie tanto da trovare, con l’ispirato Bertolini, il gol vittoria in pieno recupero. Novara corsaro con Reinado e Sozzani in casa del Sassuolo al quale non è bastato andare in vantaggio con bomber Mattioli (12° centro stagionale), mentre il Genoa non ha avuto pietà del Parma, anche se il risultato di 4 – 1 è abbastanza bugiardo non fosse altro che per il fatto di essersi materializzato nella ripresa. Era Krasniqi ad aprire le danze al 2′, imitato 6′ dopo da Ruben Costa. Il Parma aveva un sussulto con Kasa (15′), ma i rossoblù chiudevano il conto con Raggio e Klimavicius (rigore) al 17′ e 35′. Forse non ha perso l’ultimo treno la Fiorentina che è passata – come un treno, appunto – sul campo della Pro Vercelli. “Manita” confezionata dalle doppiette di Servillo e Pierozzi e dal gol di Simic. Sposta poco il pari (1-1) tra Entella e Spezia che reca la firma dello spezzino conti e di Koutsoupias.

Anche se Ghisleni si è concesso una giornata di ferie – e siamo passati al Girone B – l’Atalanta ha letteralmente maramaldeggiato sul campo del fanalino di coda Venezia. Tre gol nel primo tempo (Cortinovis, Okoli e Traore) e quattro nella ripresa (ancora Traore e Cortinovis poi Bertini e Kobacki) hanno confezionato un 7 – 0 che di calcistico ha davvero poco. Un gol lampo di Esposito al 1′ del primo tempo ha consentito all’Inter di vincere a Cittadella e di tenere il passo, anche se a debita distanza. Anche il Milan ha cominciato bene l’anno faticando però più del previsto con la Spal (gol di Merletti e Maldini solo nella ripresa). A Cudrig ha risposto Braccini e così UdineseCesena non è andata al di là del pari, mentre il Bologna ha superato di misura, con un gol di Rosso (17′ pt), il Chievo Verona. L’Hellas, invece, dopo un lungo periodo negativo, è tornato alla vittoria con il Brescia.  2-1 il risultato finale con i gialloblù  Brandi e Marchesini che hanno vanificato la rete della rondinella Amoo. Il gol n° 11 del solito Cannas, infine, ha firmato la vittoria di misura del Cagliari sulla Lazio.

Nel Girone C la partita sicuramente più entusiasmante è stata quella tra Crotone e Salernitana che i calabresi, dopo essere stati in vantaggio di tre gol, sono poi riusciti a portare a casa solo in pieno recupero. I ragazzi di Lomonaco hanno sbloccato il risultato nel finale della prima frazione di gioco con Miceli e poi hanno arrotondato nella ripresa con Ruggiero (13′) e Lauro (25′). Fatta? Tutt’altro. Trascinata dal solito Iannone la Salernitana in 6′ (dal 30′ al 36′) pareggiava con una doppietta dello stesso Iannone (al 13° centro in stagione) e una rete di Esposito. Ma è stata una prodezza solo accademica in quanto Lauro, al 5′ di recupero, pescava il jolly. In testa la Roma (4-2 al Foggia) continua nella sua cavalcata solitaria (reti giallorosse di Greco, Bamba, Cangiano e Chierico, mentre per i satanelli sono andati a segno Cucci e Rosi), favorita anche dagli scivoloni di Napoli e Frosinone. I partenopei ad Ascoli hanno visto interrotta la loro serie positiva, puniti da Pulsoni al 30′ della ripresa, mentre i ciociari sono incappati in una giornata no a Palermo e sono stati battuti da una doppietta di Correnti. Pinto e Napolitano hanno firmato il botta e risposta tra Bari e Pescara, mentre l’Avellino non ha saputo approfittare di un autogol di Stramaccioni a Perugia. Gli irpini, infatti, dopo il “regalo” iniziale, sono stati rimontati, ancora nel finale del primo tempo, da Corsi, Metelli e Miola.

I RISULTATI (14^ giornata – 1^ di ritorno)

GIRONE A: Sampdoria – Empoli 2 – 3, Pro Vercelli – Fiorentina 0 – 5, Cremonese – Juventus 2 – 1, Sassuolo – Novara 1 – 2, Genoa – Parma 4 – 1, Virtus Entella – Spezia 1 – 1, Carpi – Torino 0 – 2.

Classifica: Torino 34, Juventus 32, Sampdoria 28, Genoa 27, Fiorentina 25, Novara 24, Sassuolo 20, Cremonese 18, Empoli 16, Carpi 14, Spezia 13, Virtus Entella 12, Parma 8, Pro Vercelli 5.

GIRONE B: Venezia – Atalanta 0 – 7, Hellas Verona – Brescia 2 – 1, Udinese – Cesena 1 – 1, Bologna – Chievo Verona 1  0, Cittadella – Inter 0 – 1, Cagliari – Lazio 1 – 0, Milan – Spal 2 – 0.

Classifica: Atalanta 39, Inter 29, Cagliari e Milan 28, Cesena 27, Bologna 24, Chievo Verona 22, Udinese 20, Lazio 16, Hellas Verona 15, Cittadella 9, Brescia e Spal 7, Venezia 3.

GIRONE C: Perugia – Avellino 3 – 1, Bari – Pescara 1 – 1, Roma – Foggia 4 – 2, Città di Palermo – Frosinone 2 – 0, Ascoli – Napoli 1 – 0, Crotone – Salernitana 4 – 3, Benevento – Ternana 0 – 0.

Classifica: Roma 35, Benevento 26, Napoli e Ascoli Picchio 25, Frosinone 24, Crotone 22, Perugia 20, Salernitana 18, Città di Palermo 17,  Bari 16, Ternana 15, Delfino Pescara  13, Foggia 12, Avellino 6.

Nello Morandi