Rigori modello tie-break: il test all'Europeo U17

Al vaglio dell'Ifab la proposta per passare dall'alternanza pura (ABABA) agli avvicendamenti già previsti nel tennis (ABBAA)

09 maggio 2017

In futuro passeremo dall’ABABA all’ABBAA? Tranquillizziamo tutti: non si tratta di una nuova tassa, bensì di una nuova formula che potrebbe essere introdotta nel calcio in occasione delle famose “lotterie” dei calci di rigore alle quali si ricorre, anche in manifestazioni di grande prestigio, quando il match termina in parità sia dopo i tempi regolamentari che i supplementari.

Si vorrebbe smettere con l’alternanza pura (ABABA) per passare agli avvicendamenti già previsti nei tie break tennistici (ABBAA). Come dire che inizia a servire il calciatore A, quindi batte per due volte il B, quindi nuovamente due volta l’A fino alla fine del tie break. Adattato al calcio, significa che, dopo il rigore calciato dal rappresentante della squadra A, i successivi due penalty vengono tirati da giocatori della B, per poi passare di nuovo, e per due volte consecutive, alla A.

La proposta alla Ifab, l’organismo internazionale deputato a modificare le regole del calcio, è stata avanzata da due professori spagnoli, Ignacio Palacios Huerta e Josè Apesteguia, dopo aver analizzato 2900 calci di rigore tra il 1970 ed il 2008. In particolare i due studiosi, che hanno preso in esame ben 270 sequenze, sono arrivati alla conclusione che la squadra che comincia a calciare per prima ha il 21% di possibilità in più di aggiudicarsi la serie e quindi la vittoria. Evidentemente in chi deve calciare dopo c’è una percentuale di stress in più dovuta al fatto di dover inseguire. Questo handicap psicologico, secondo i due ricercatori spagnoli, si annullerebbe adottando appunto la sequenza già in uso da tempo nei tie break tennistici.

Prima di diventare operativa la norma dev’essere approvata da 6 degli 8 membri dell’Ifab, i quali comunque avranno la possibilità di studiarne l’effettiva funzionalità nelle finali dei campionati europei Under 17 sia maschili che femminili, attualmente in pieno corso di svolgimento.

Nello Morandi

Foto: il portiere dell’Atalanta, Sergej Luca Piccirillo, para il rigore del serbo Ivan Milosavljevic nella finale del Trofeo Beppe Viola 2017 (Credits Fabio Galas)