Scudetto U17: Atalanta e Palermo si avvicinano alla Final4

05 giugno 2017

I bergamaschi pareggiano in rimonta in casa del Sassuolo con una doppietta di Nivokazi, i siciliani battono lo Spezia su rigore. Inter e Torino già in semifinale

Atalanta e Palermo hanno posto una seria ipoteca per raggiungere Inter e Torino, già qualificate a spese di Roma e Genoa, nella final four del campionato italiano Under 17 di serie A e B che si disputerà tra il 18 ed il 21 giugno a Cesena.

Ma i campioni d’Italia nerazzurri se la sono vista davvero brutta nel match di andata che li vedeva ospiti del Sassuolo di Tufano sul terreno del Ferrarini.

A 6′ dalla fine, infatti, erano sotto per 2 – 0 grazie ai gol di Raspadori (bella girata al 22′) e Baietti, ben servito da Ghion, uno dei migliori in campo. Sembrava finita, ma l’accoppiata KulusevskiNivokazi, già ammirata nell’ultima edizione del Beppe Viola, riusciva a compiere il miracolo nei minuti di recupero. Perfetto, infatti, all’83’, l’assist del nazionale svedese per la punta che infilava inesorabilmente il portiere Fasolino in uscita. E Nivokazi si ripeteva all’85’ trasformando un calcio di rigore concesso per il fallo di mano di un difensore neroverde su cross di Peli. Grande festa in casa atalantina, anche perché nel ritorno di domenica prossima a Zingonia i ragazzi di Brambilla hano sicuramente il pronostico dalla loro.

Chiaro che se Raspadori non avesse fallito un calcio di rigore colpendo la traversa al 50′ ora forse staremmo parlando di un’altra partita, anche se non va trascurato il clamoroso palo colpito da Kulusevski poco prima del raddoppio di Baietti. Un errore sarebbe comunque dare per spacciato un Sassuolo che nel suo cammino è riuscito ad espugnare il Vismara rifilando ben 5 gol al Milan.

Nell’altra partita lo Spezia di mister Corallo ha lottato fino allo stremo per bagnare nel migliore dei modi il fresco titolo di miglior vivaio della Serie B che ha conquistato, nell’ambito del premio Fair Play Mecenate, proprio la scorsa settimana superando Brescia, Cesena e Virtus Entella.

Il Palermo di Scurto, che aveva dominato il Girone C costringendo la Roma ad un ruolo di comprimaria, si è dimostrato un avversario solidissimo e pronto a sfruttare ogni minima occasione. Ed è stato così al 31′ del primo tempo, quando l’arbitro ha ravvisato gli estremi del calcio di rigore in una uscita disinvolta del portiere spezzino Desjardins su Cannavò. Implacabile D’Amico dal dischetto. I padroni di casa hanno sfiorato più volte la rete con l’intraprendente Scarlino, anche se è stato Galloni a calciare altissimo la più ghiotta delle occasioni. Con questo Spezia, insomma, anche il ritorno di domenica a Palermo è tutt’altro che scontato.

Nello Morandi

Photo: Rilind Nivokazi, attaccante dell’Atalanta (Credits Fabio Galas)