Scudetto U17, avanza il Sassuolo: cinquina al Milan

Anche Juve e Napoli fuori al primo turno play-off. Ai quarti, Inter padrona: Roma a un passo dall'eliminazione

21 maggio 2017

Sarà dalle sfide tra Pescara e Spezia e tra Sassuolo e Cesena che usciranno le ultime due squadre che andranno a completare il tabellone dei quarti di finale del campionato italiano Under 17 riservato ai club di A e B.

Piuttosto a sorpresa il primo accoppiamento che ha visto il Pescara espugnare per 2-1 il campo del Napoli (la partita si è disputata il 7 maggio scorso), mentre lo Spezia ha superato sabato una Juventus senza stelle per 5-4 dopo i calci di rigore. I tempi regolamentari si erano chiusi sull’1-1 fissato da un calcio di rigore del bianconero Lombardi al quale ha replicato, pochi minuti dopo, lo spezzino Galloni.

Dall’altra parte del tabellone out anche il Milan che, pur godendo del fattore campo, è stato letteralmente travolto dal Sassuolo di Tufano. In vantaggio con Raspadori, uno dei ragazzi segnalatisi al torneo Beppe Viola dello scorso marzo, i neroverdi hanno subito il momentaneo pareggio di Finessi ma non si sono disuniti tanto che in 4′, dal 22′ al 26′, sono andati a segno per ben tre volte (Giordano, Carozza e Bartoli) per completare l’opera nella ripresa con Aurelio e quindi completare un 5-1 che ha del clamoroso. Ora se la dovranno vedere con il Cesena che, un po’ a sorpresa, è riuscito ad espugnare nel derby il campo del Bologna. Tutto, o quasi, nel primo tempo. Cesenati già in vantaggio dopo 13′ con Nanni, ma Mantovani, appena 2′ dopo, riportava in parità i felsinei che però nulla potevano fare per rintuzzare un avversario pimpante ed ancora in gol con Merciari e Buso. Nella ripresa i ragazzi di Ceccarelli restavano in 10 (rosso per doppia ammonizione a Musiani), ma il Bologna, pur attaccando in massa, riusciva solo ad accorciare le distanze con Saputo.

Sono state giocate anche due partite tra le squadre già qualificate ai quarti, con l’Inter che è andata a imporre la legge del più forte a Trigoria con la Roma. Il solito Merola apriva le danze all’inizio della ripresa, mentre era Esposito a ribadire al 22′ la supremazia nerazzurra. Per i lupacchiotti, insomma, ci vorrà un mezzo miracolo nel ritorno a Milano.

Ancora in equilibrio, invece, la sfida tra Torino e Genoa che ha visto i granata imporsi all’andata per 2-1 grazie ai gol di Munari e Coppola ai quali il Genoa ha saputo replicare solo una volta con il calcio di rigore trasformato dal nazionale Bianchi. Sotto la Lanterna, però, può accadere di tutto.

Nello Morandi

Foto credits: Fabio Galas