Tanti rinvii, campionato a mezzo servizio

In un turno condizionato dagli impegni della Nazionale, spiccano il 3-2 della Roma a Benevento e il 2-2 del Bologna a Cesena

30 ottobre 2017

Quattro partite rinviate a data da destinarsi. Una nel Girone A, addirittura tre nel Girone B, nessuna nel Girone C. Che senso può avere, dopo il riposo di domenica scorsa, programmare una giornata di campionato quando si sa che le squadre che danno più uomini alla Nazionale avrebbero chiesto un rinvio? Solo chi siede nella stanza dei bottoni potrebbe (?!) rispondere, anche solo per spiegare che senso ha un campionato con delle classifiche che sono sempre parziali.

Ovviamente a chiedere il rinvio nel Girone A è stata la Juventus (sarebbe stata impegnata a Parma) e ne hanno approfittato Sampdoria, Genoa, Fiorentina e Torino. Le prime due per appaiare formalmente i bianconeri in vetta alla classifica, le altre per portarsi sotto in vista di tempi migliori. I blucerchiati hanno messo a frutto, non senza soffrire, il turno casalingo che li vedeva impegnati con la Cremonese. Nel finale della prima frazione hanno ipotecato il match con Maglie e Orlando (37′ e 40′), ma il gol del cremonese Bingo al 25′ della ripresa li ha tenuti in apprensione fino alla fine. Il solito Krasniqi, con una doppietta in 5′, ha tolto le castagne dal fuoco ad un Genoa che con la Pro Vercelli era partito malissimo, andando sotto dopo appena 2′ grazie ad un gol di Mururoi.

Un rigore trasformato da Moreo al 20′ della ripresa consente al Torino di passare a Empoli, mentre la Fiorentina ha stravinto sul campo dello Spezia. 5 – 1 il risultato finale con ben tre calci di rigore trasformati, due per la Viola, uno per i liguri. Ad aprire le danze era Pierozzi all’11’, imitato 9′ dopo dal compagno di colori Servillo. A questo punto è salito in cattedra l’arbitro Fiero di Pistoia che concede un penalty ai padroni di casa (Conti al 35′), All’inizio della ripresa il toscano Simic chiude in pochi minuti il match, prima su azione, poi dal dischetto imitato al 24′ dal compagno di colori Spalluto. Stoppa ha risolto il match tra Novara e Carpi, a favore dei piemontesi, mentre le ambizioni del Sassuolo hanno subito un ridimensionamento a Chiavari. La doppietta di Mattioli non è bastata agli uomini di Pensalfini per uscire indenni dal campo dell’Entella in gol con De Rigo, Lipani e Koutsoupsias.

Nel Girone B, rinviate le partite che avrebbero visto impegnate l’Atalanta (Lazio), il Milan (a Verona con l’Hellas) e l’Inter (in casa con la Spal), il Cesena capolista non ne ha approfittato per prendere il largo e si è fatto imporre il pari casalingo (2-2), nel derby col Bologna. Una partita stranissima nella quale ha fatto tutto, nel bene e nel male, Portanova. Il rossoblù ha cominciato al 19′ con un atto di autolesionismo, un autogol che ha mandato in vantaggio il Cesena. 11 minuti dopo si è rifatto, trasformando un calcio di rigore, e quasi allo scadere del match ha pareggiato il gol di Manara con il quale, a inizio ripresa, i romagnoli avevano messo una seria ipoteca sulla vittoria. Oviszach e Di Franco hanno confezionato il prezioso successo in trasferta dell’Udinese sul campo del derelitto Venezia, mentre un importante successo in trasferta l’ha colto il Cagliari che è passato per 2-1 sul campo del Cittadella. Contini dava il vantaggio agli isolani nei minuti di recupero della prima frazione, poi chiudeva il conto il bomber Cannas a inizio ripresa. Il gol veneto di Volpati al 25′ è servito solo per tenere accesa una inutile speranza. Rovaglia e la “rondinella” Mattiacci, infine, confezionavano l’1-1 di una partita non memorabile tra Brescia e Chievo.

Dimostrazione di forza della Roma nel Girone C che, pur priva dei giocatori impegnati prima in azzurro poi nella Youth League contro il Chelsea, è andata a sbancare il campo della capolista Benevento. 3 – 2 per i giallorossi il risultato finale in una partita che hanno controllato fin dall’inizio andando subito il gol com Simonetti. Il pari di Dublino poteva scombinare i piani dei ragazzi di Baldini, ma un calcio di rigore trasformato al 28′ da Silipo apriva loro il campo ad un successo prezioso che Barbarossa incrementava al 14′ della ripresa rendendo così vana la doppietta di Dublino nel finale. Ad Ascoli il Crotone ha dato forse un addio definitivo ai sogni di gloria di inizio stagione: un gol per tempo di Lenoci e Rossi suonano come una sentenza. Importante vittoria in rimonta del Frosinone a Pescara che con Antonellis ha risposto immediatamente al gol-lampo di Bregasi e al 38′ ha chiuso i conti con Menegat. Batte finalmente un colpo anche il Bari che travolge il Perugia in una partita a senso unico: dei galletti Gagliardi, Ansani e Martorelli i primi tre gol, ai quali gli umbri hanno saputo rispondere solo con Benedetti prima di incassare il quarto gol di Caruso. Finalmente ha battuto un colpo il Napoli (2-1 al Foggia con due autogol, uno per parte), mentre il Palermo, che aveva dominato l’ultimo campionato, ha subito una severa lezione sul campo della Salernitana. Siciliani subito sotto per una sfortunata autorete di Giangreco e poi in balia dei campani che andavano in gol con Iannone per ripetersi nella ripresa con Raiola e Pezzo. Il rosanero Capparo, nel finale, ha reso meno umiliante il punteggio. “Manita” della Ternana, infine, contro un Avellino in gita di piacere. Antonelli, Filipponi, Canalicchio, Francescangeli e Mignone gli autori della goleada.

I RISULTATI (7^ Giornata)

GIRONE A: Empoli – Torino 0 – 1, Genoa – Pro Vercelli 2 – 1, Novara – Varpi 1 – 0, Parma – Juventus rinv., Sampdoria – Cremonese 2 – 1, Spezia – Fiorentina 1 – 5, Virtus Entella – Sassuolo 3 – 2.

Classifica: *Juventus, Sampdoria e Genoa 16, Fiorentina e Torino 15, Novara 12, Sassuolo 10, Spezia 8, Empoli, Cremonese e Pro Vercelli 5, *Parma, Carpi e Virtus Entella 4

GIRONE B: Atalanta – Lazio rinviata, Brescia – Chievo Verona 1-1, Cesena – Bologna 2 – 2, Cittadella – Cagliari 1 – 2, Hellas Verona – Milan rinviata, Inter – Spal rinviata Venezia – Udinese 0 -2.

Classifica: Cesena 17, *Atalanta e Cagliari 15, Bologna 13, *Hellas Verona 12, *Inter 11, Chievo Verona e Udinese 10, *Milan 9, *Lazio 5, Cittadella 4, Brescia 3, Venezia 2, *Spal 0.

GIRONE C: Ascoli Picchio – Crotone 2 – 0, Bari – Perugia 4 – 1, Benevento – Roma 2 – 3, Delfino Pescara – Frosinone 1 – 2, Napoli – Foggia 2 – 1, Salernitana – Città di Palermo 4 – 1, Terenana – Avellino 5 – 0.

Classifica: Roma 16, Benevento 15, Frosinone 13, Ascoli Picchio e Crotone 12, Perugia 11, Salernitana, Palermo e Napoli 10, Foggia 7, Ternana e Avellino 6, Delfino Pescara e Bari 5.

*) una partita in meno

Nello Morandi

Photo credits: Fabio Galas