Torino e Milan, derby indigesti. Cade la Roma

Juventus e Inter vincono le "stracittadine" e restano al comando dei rispettivi gironi. Giallorossi rimontati e battuti a Napoli

01 ottobre 2018

E’ successo il finimondo nella 4^ giornata del Campionato italiano Under 17 di A e B, anche perché era un turno che proponeva molti match interessanti. Ma, se si potevano preventivare i successi dell’Inter e della Juve nelle rispettive stracittadine, meno pronosticabile era il crollo della Roma a Napoli, specialmente dopo che i giallorossi erano andati all’intervallo con 2 gol di vantaggio. Poi ci sono state le goleade (6-1 dell’Atalanta a Bologna e del Pescara a Foggia e poi il 5 – 0 del Benevento sul Palermo e il 5 – 2 del Frosinone al Cosenza). Per noi, però, l’ideale apertura oggi spetta a Tammaro Ferraro di Marcianise, 17 anni a marzo, che ieri ha segnato un poker di gol nel 5-0 del Benevento al Palermo, fornendo anche l’assist per la rete del compagno Romanelli. Per lui una giornata da incorniciare.

Nel Girone A il Genoa, grazie ad un gol di Besaggio al 24′, ha faticosamente ottenuto con lo Spezia i 3 punti che consentono ai grifoni di mantenere il passo della Juve che è passata a Grugliasco sul campo del Torino in maniera più netta di quanto dica il 2 – 1 finale. I bianconeri di Pedone, dopo aver chiuso il primo tempo col minimo vantaggio (1-0 del terzino De Winter), hanno messo il risultato in frigo con Zanchetta al 5′ della ripresa. L’espulsione di Spina per doppia ammonizione ha ridato linfa alle speranze dei granata che, in pieno recupero, hanno colto il gol della bandiera con Marra. Dietro, però, dopo un inizio incerto, la Fiorentina sembra aver riacquistato il ritmo delle annate migliori: importante l’1-0 (Gaeta) con il quale la Viola ha sbancato il campo del Sassuolo. Passeggiata della Samp a Cremona, mentre la Lazio ha lasciato a 0, anche in classifica, il Parma con una doppietta di Bertini (di Rumanc il gol emiliano). Il Carpi, infine, ha dato tono ad una eccellente classifica mandando a casa a mani vuote il Livorno (2-1).

Nel Girone B le cose si erano messe bene per il Milan che, ospite del Facchetti, era andato per primo in vantaggio con Bassoli, alla mezz’ora. La reazione dei padroni di casa dell’Inter è stata veemente: Esposito e Di Marco capovolgevano il risultato negli ultimi due minuti del primo tempo e Moretti lo metteva in cassaforte al 3′ della ripresa. Doppietta di Vorlicky e gol di Traorè, Carrà, Sidibe e Mandredi, questi gli autori della goleada con cui l’Atalanta ha preso a pallate il Bologna (6-1) all’ombra di San Luca. Anche il Venezia batte un colpo e con Gullotta e Antinoro conquista la prima vittoria col Cittadella in uno dei tanti derby veneti. Etichetta valida anche per Chievo e Udinese che hanno preferito il dilettevole all’utile (2-2). Una doppietta di Manca ed una rete di Iovu ha consentito al Cagliari di mettere a frutto una delle tante escursioni sul continente (questa volta era il Padova a ospitare i sardi). Il Brescia, infine, ha ridimensionato la Spal facendo valere il fattore campo (2-1).

Il match clou del Girone C era in programma a Napoli dove era attesa la capolista Roma dall’attacco mitraglia: 16 gol in tre partite, una media spaventosa. Questo grazie alla vena del camerunense Tueto Fotso, leader per distacco dei marcatori, che anche in questa occasione non ha smentito la sua (giusta) fama: con una doppietta (5′ e 34′) faceva andare i giallorossi al riposo avanti di due gol. Nella ripresa, comunque, in campo scendeva un “altro” Napoli. I ragazzi di Carnevale hanno impresso alla gara un ritmo forsennato: con Montaperto e D’Agostino (5′ e 15′) hanno acciuffato il pari e con Cioffi, nei minuti di recupero, la clamorosa vittoria in rimonta. Ma il protagonista del girone, come dicevamo in apertura, è stato Ferraro vero mattatore della goleada inflitta dal Benevento al Palermo. La punta sannita prima forniva un assist al bacio al compagno di reparto Romanelli (9′), poi si scatenava con una doppietta nel finale del primo tempo ed un’altra doppietta a metà ripresa. Anche per il Pescara una goleada: 6-1 in trasferta a Foggia (passato per primo in vantaggio con Venuti!) e quindi doppiette di Zinno, Di Stefano e Chiarella. Normale amministrazione per la Salernitana (2-0 all’Ascoli) e altra partita a… tennis tra Frosinone e Cosenza che, pareggiato il gol di Morelli con Ricci, poi non ha retto il ritmo: Rodio, Nigro, Santi, Ricci e un autogol di Giordani hanno dato corpo alla goleada.

I RISULTATI

GIRONE A: Carpi – Livorno 2 – 1, Cremonese – Sampdoria 0 – 3, Genoa – Spezia 1 – 0, Lazio – Parma 2 – 1, Sassuolo – Fiorentina 0 – 1, Torino – Juventus 1 – 2. Ha riposato l’Empoli

Classifica (* una partita in meno): Genoa e Juventus 10, Fiorentina 9, * Empoli 7, *Sampdoria, *Lazio e Carpi 6, Torino 4, Sassuolo, Spezia, *Livorno e Cremonese 3, Parma 0

GIRONE B: Bologna – Atalanta 1 – 6, Brescia – Spal 2 – 1, Padova – Cagliari 1 – 3, Chievo Verona – Udinese 2 – 2, Inter – Milan 3 – 1, Venezia – Cittadella 2 – 0. Ha riposato l’Hellas Verona

Classifica (* una partita in meno): Inter 10, Atalanta 9, *Cagliari 7, Spal e Brescia 6, Cittadella e Milan 5, *Hellas Verona e Chievo Verona 4, Venezia e *Bologna 3, *Udinese 2, Padova 1

GIRONE C: Benevento – Città di Palermo 5 – 0, Crotone – Perugia 1 – 0, Foggia – Delfino Pescara 1 – 6, Frosinone – Cosenza 5 – 2, Napoli – Roma 3 – 2, Salernitana – Ascoli Picchio 2 – 0.

Classifica (* una partita in meno): Roma e Napoli 10, Delfino Pescara 7, Crotone e *Salernitana 6, Frosinone 5, Benevento, *Salernitana, Ascoli Picchio e *Città di Palermo 4, *Cosenza e *Lecce 3, Perugia e Foggia 2

Nello Morandi