Napoli, Sicilia amara: Roma a +10

Gli azzurri perdono 2-1 a Palermo e i capitolini ipotecano il primo posto. Una Juve più continua allunga nel girone A, big a riposo nel "B"

18 febbraio 2019

La notizia di giornata è costituita dai risultati a sorpresa che hanno caratterizzato i tre gironi del Campionato italiano under 17 di A e B, ma un titolo lo meritano anche lo strappo della Juve in testa al girone A e il + 10 con cui la Roma si appresta a chiudere trionfalmente il girone C.

I bianconeri, che sembrano aver trovato una certa continuità, hanno dominato la Lazio, soprattutto nella ripresa, dopo che il bomber Lipari aveva sbloccato il risultato su rigore alla mezz’ora del primo tempo. Tongya e Dragusin hanno reso il malloppo più vistoso e dato ai tre punti una importanza colossale visto che, nel frattempo, le più dirette avversarie avevano fatto cilecca. Il Genoa ancora sabato nell’anticipo di Livorno (decisivo il gol di Pecchia), la Fiorentina domenica in casa contro un Empoli che è così ritornato in corsa per traguardi importanti. Una partita vietata ai deboli di cuore se si considera che i viola, sotto di due gol per i centri di Pezzola e Martino, hanno agguantato il risultato nella ripresa, dal 15′ al 18′, con il bomber Gaeta e Silvestri. Quando un po’ tutti si erano adattati al pari, ecco nei secondi finali il gol di Ekong che regalava agli empolesi una importante, forse insperata, vittoria nel derby toscano. Poco influenti sulla classifica le vittorie dello Spezia (1-0 in casa con il Sassuolo) e la Cremonese (4-0 al derelitto Carpi), ma non è da trascurare il successo del Torino che ha violato il campo di Bogliasco dedicato a Garrone. La Sampdoria, forse paga del successo nel derby, è entrata tardi in partita e, quando lo ha fatto, i granata erano avanti di tre gol grazie ai centri di Tordini, Aita e capitan Favale. Nella ripresa una doppietta dello scatenato Di Stefano riportava in corsa i blucerchiati ai quali restava il rimpianto di un gol annullato, sempre a Di Stefano, per celebrare una rimonta storica.

Nel Girone B, praticamente, non si è giocato, almeno per i posti che contano. Milan – Bologna e Cagliari – Inter sono state rinviate al 27 febbraio, mentre l’Atalanta ha riposato. Spazio alle comprimarie con la vittoria (2-1) scacciacrisi dell’Udinese sul Venezia, il pari (1-1) tra Cittadella e Brescia, l’1-0 del Chievo al povero Padova e il pirotecnico pareggio (2-2) tra Spal e Hellas Verona. Apre le danze lo scaligero Yeboah,   i ferraresi reagiscono con Ellertson e Diagne, ma nell’assalto finale l’Hellas conquista un rigore che Calabrese, freddissimo, trasforma.

Nel Girone C, l’unica a tenere alto il blasone è stata la Roma, anche se il 5-1 alla Salernitana (peraltro per prima in vantaggio con un rigore di Ramazzotti) è dovuto in buona parte alla pochezza dell’avversario che il calendario opponeva ai giallorossi. Poi la “pioggia” romanista con Travaglini, Agostinelli, Tueto Fotso, Bamba e Cassano. Va detto che i ragazzi di Piccareta erano reduci da un prestigioso secondo posto ottenuto al torneo Allkass international a Doha. In finale, dopo essere stati a lungo in vantaggio con un gol di Bamba, sono stati sconfitti dagli scozzesi dei Rangers per 9-8 dopo i calci di rigore. Significativo il premio a Matteo Cancellieri come miglior giocatore del torneo. Era dal 2012 che una squadra italiana non arrivava così in alto in questo prestigiosa manifestazione. All’epoca fu la Juve a essere sconfitta, sempre ai rigori, dal PSV Eindhoven.

Al ritorno in Italia, oltre ad un avversario commestibile, i giallorossi si sono visti regalare la sconfitta del Napoli a Palermo (tardivo il rigore di Mancino per contrastare i gol rosanero di Sinatra e Mustacciolo). Per i play-off diventa importante la secca sconfitta del Benevento a Frosinone (3-0, con il doppio Luciani e Rodio), anche se il flop dei sanniti si compensa con la sconfitta interna del Pescara col Crotone (1-2 con reti di Chiacchia per gli abruzzesi e di Maesano e Calvanico per i calabresi) e, se vogliamo, con quella del Perugia in casa con un Lecce che non t’aspetti in gol con Medico e Lamacchia. Fuori da ogni contesto lo 0-0 tra Cosenza e Foggia che non muove né classifica né entusiasmi.

I RISULTATI

GIRONE A: Carpi – Cremonese 0 – 4, Fiorentina – Empoli 2 – 3, Livorno – Genoa 1 – 0, Juventus – Lazio 3 – 0, Spezia – Sassuolo 1 – 0, Sampdoria – Torino 2 – 3. Ha riposato il Parma

Classifica (*una partita in meno): Juventus 39, Fiorentina 35, Genoa 33, *Empoli 32, *Sampdoria e Torino 29, *Lazio 27, Sassuolo 25, Cremonese 18, *Parma 17, *Livorno 14, Carpi e Spezia 11

GIRONE B: Milan – Bologna rinv. , Cittadella – Brescia 1 – 1, Chievo Verona – Padova 1 – 0, Spal – Hellas Verona 2 – 2, Cagliari – Inter rinv., Udinese – Venezia 2 – 1. Ha riposato l’Atalanta

Classifica (*una partita in meno): *Inter 41, *Atalanta 35, Spal 31, *Milan 30, *Hellas Verona 27, **Bologna 26, Brescia 25, *Chievo Verona e **Cagliari 22, Venezia 17, Cittadella 14, *Udinese 13, Padova 8

GIRONE C: Frosinone – Benevento 3 – 0, Delfino Pescara – Crotone 1 – 2, Cesena – Foggia 0 – 0, Perugia – Lecce 0 – 2, Città di Palermo – Napoli 2 – 1, Roma – Salernitana 5 – 1. Ha riposato l’Ascoli Picchio

Classifica (*una partita in meno): *Roma 48, Napoli 38, Benevento 29, *Ascoli Picchio 26, *Frosinone, Delfino Pescara e Città di Palermo 24, Perugia 22, *Crotone 21, *Lecce 16, *Cosenza e Foggia 15, *Salernitana 13

Nello Morandi